Diritto Societario e Registro Imprese


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 24689 - pubb. 24/12/2020

Azione di responsabilità promossa nei confronti di un collega: il curatore non è tenuto all’osservanza dei canoni deontologici

Tribunale Vicenza, 12 Marzo 2020. Pres. Marina Caparelli. Est. Genovese.


Fallimento – Curatore – Qualità di pubblico ufficiale – Preminenza – Applicabilità del codice deontologico all’attività di curatore fallimentare – Esclusione – Mancata osservanza nei confronti di un collega (amministratore della società fallita, cui erano contestati fatti di responsabilità gestoria), nell’esercizio dei suoi doveri di ufficio, dei dettami di cortesia, considerazione e cordialità imposti dal codice deontologico – Illecito disciplinare – Insussistenza



Allorché un professionista assuma la funzione di curatore fallimentare, il carattere pubblicistico dell’incarico fa venir meno il rapporto orizzontale che sussiste fra i colleghi (e che ispira i dettami contenuti nel codice deontologico) e determina il passaggio ad una relazione di tipo verticale, in cui gli interessi pubblicistici affidati al curatore assumono preminenza rispetto ad ogni altro interesse.

Ne deriva che il curatore non è tenuto all’osservanza dei canoni deontologici che gli potrebbero imporre una deviazione dai doveri inerenti il pubblico ufficio, come il trattare un collega, nell’esercizio dell’azione di responsabilità, con un particolare favore e comunque diversamente dagli altri convenuti.

Va escluso pertanto che, a fronte di una richiesta risarcitoria milionaria scaturente da fatti che avrebbero potuto configurare ipotesi di reato, possa configurarsi un obbligo di “assistenza reciproca”, secondo il tenore letterale del primo comma dell’art. 15 del codice deontologico.

Deve, inoltre, escludersi che il curatore debba valutare in modo differenziato le condotte degli amministratori della società fallita, a seconda che essi rivestano o meno la qualifica di dottori commercialisti, perciò egli, investito di un dovere di diligenza ed obiettività nell’interesse pubblico, non può operare secondo canoni differenti a seconda dei soggetti coinvolti, a tutela di quello stesso interesse pubblico affidato alle sue cure. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale