Diritto e Procedura Civile


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 14940 - pubb. 05/05/2016

Esecuzione forzata ed intervento tardivo non titolato

Cassazione civile, sez. III, 19 Gennaio 2016, n. 774. Est. De Stefano.


Esecuzione forzata in genere – Intervento tardivo non titolato – Credito privilegiato – Accantonamento – Inammissibilità



E' ammissibile l’intervento del creditore non titolato avente i requisiti di cui al comma 1° dell'art. 499 c.p.c. (nel caso di specie si trattava di creditore pignoratizio) in un momento successivo a quello previsto dal secondo comma di tale norma, prevalendo la disciplina del tempo dell'intervento di cui agli artt. 528, 551 e 566 c.p.c.; tuttavia, è preclusa la possibilità di riconoscimento del credito, sicché esso si ha sempre per disconosciuto e il creditore, per conseguire il diritto all’accantonamento in sede di distribuzione, deve presentare istanza in tal senso e dimostrare di avere agito nei trenta giorni successivi all’intervento per conseguire il titolo esecutivo nei confronti dell’esecutato. (Giuseppe Caramia) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'avv. Giuseppe Caramia
giuseppe.caramia@email.it 
  

Il testo integrale